Skip to content
Energia-favola-prezzo

Energia: c’era una volta la favola del prezzo

Il mercato dell'energia è complesso e insidioso: i consumatori rischiano di cadere in trappola a causa della propria mancanza di consapevolezza e della scarsa trasparenza dei fornitori.

Un mercato pericoloso

Sappiamo tutti che quello dell’energia è probabilmente il mercato più complesso e insidioso. Oltre a una diffusa scarsa trasparenza da parte dei fornitori, pesa soprattutto l’assenza di consapevolezza da parte dei consumatori. Conosciamo poco sul mondo energetico e, troppo spesso, le informazioni in nostro possesso non sono esatte.

Questa situazione, però, non può che fare il gioco di fornitori senza scrupoli interessati esclusivamente ad accaparrarsi clienti facendo leva sulla loro buona fede e sulla mancanza di consapevolezza. Famiglie e aziende, spinte dalla volontà e dalla necessità di ridurre le proprie spese energetiche, si trovano così a fare i conti con operatori che creano false aspettative e tanti disagi.

È tutto oro ciò che luccica?

Partiamo da un presupposto: luce o gas che sia, non è facile comprendere una bolletta. La prima e più importante cosa da sapere è che, al suo interno, la spesa per la materia prima energetica rappresenta soltanto una parte di ciò che paghiamo.

Per capire meglio la questione, possiamo prendere i dati forniti dall’Autorità per l’Energia (ARERA) per questo trimestre.

Attualmente, secondo l’ARERA, per una famiglia-tipo in regime di tutela la composizione percentuale della spesa in bolletta è la seguente:

Fonte: ARERA

Come si può notare, la spesa per la materia energia rappresenta meno della metà dell’intero importo in bolletta (45,6%). Una percentuale che scende ancora di più se si escludono i costi di commercializzazione, arrivando al 37,1%. Poco più di un terzo.

La situazione non va poi meglio per quanto riguarda il gas. Qui la spesa per la materia gas naturale cala al 37,2%, per arrivare addirittura al 30,3% se si escludono i costi di vendita al dettaglio:

Fonte: ARERA

C’è da fidarsi delle tariffe economiche?

Abbiamo visto che i costi della materia prima rappresentano solo un terzo di ciò che paghiamo in bolletta. Per il resto, si tratta di imposte e spese necessarie al trasporto e alla gestione infrastrutturale.

È dunque possibile fidarsi di chi propone tariffe molto più basse rispetto agli altri operatori? La risposta è no. Il prezzo, infatti, non è l’unica cosa da valutare quando si intende cambiare fornitore di energia.

Acquisire consapevolezza, invece, significa innanzitutto comprendere che il prezzo dell’energia non ha grossi margini di variazione tra un operatore e l’altro. Quindi, quando un consumatore si trova dinanzi a tariffe all’apparenza molto vantaggiose, deve stare molto attento ai tranelli.

Non fermarsi al prezzo!

A questo scopo, è importante andare oltre gli annunci e verificare nei dettagli la trasparenza del contratto. All’interno delle Condizioni Generali di Vendita e alle Condizioni Economiche possono infatti essere presenti vincoli e altre componenti nascoste.

Oltre a prezzo e trasparenza contrattuale, ci sono poi altre caratteristiche che vanno valutate, la cui importanza varia a seconda del proprio tipo di utenza. Fra le principali, si possono citare la leggibilità della bolletta, la fatturazione analitica, i conguagli repentini e la flessibilità e scalabilità del rapporto di fornitura.

Come è evidente, non si tratta di un’operazione facile.

Bisogna quindi rinunciare a ridurre la propria spesa di energia? Nient’affatto!

IRE è dalla parte dei consumatori

L’Istituto IRE nasce proprio per promuovere la consapevolezza energetica dei consumatori e diffondere la cultura del risparmio energetico. La conoscenza del Mondo energetico e le competenze acquisite negli anni, ci hanno permesso di assistere le aziende italiane nella definizione di una visione strategica in tema di energia.

Aiutiamo i nostri Associati a ottenere anche condizioni economiche ottimali per l’approvvigionamento di energia, ma in maniera seria e trasparente. Ci basiamo infatti sulla forza del nostro Gruppo d’Acquisto, sul maggiore potere contrattuale che ne deriva e grazie al nostro know-how di buyer energetici.

Per saperne di più su IRE e per beneficiare di tutti i servizi offerti, hai l’opportunità di associarti direttamente on line, oppure di richiedere ulteriori informazioni all’indirizzo info@istitutoire.it.

Vuoi associarti a IRE? Puoi farlo subito a soli 59,00 euro!

Richiedi subito informazioni
+39 0541 1792414

attivo dal lunedì al venerdì | orari 9 > 13 | 14 > 18

indirizzo
via Flaminia Conca, 43
 47923 Rimini RN

email
servizioclienti@istitutoire.it